Bandi Comunitari, Nazionali e Regionali, Contributi e Agevolazioni alle Imprese Bandi e Agevolazioni su facebook 



Pagamento dei contributi di malattia e maternità

Maturano il diritto a una indennità di maternità in sostituzione della retribuzione le seguenti categorie di lavoratori dipendenti: lavoratrici dipendenti da datori di lavoro privati, lavoratori a tempo parziale, lavoratore apprendista e lavoratori con contratto di inserimento (che abbiano effettivamente iniziato l'attività lavorativa), lavoratrici dipendenti dalle imprese dello Stato, degli Enti Pubblici e degli Enti locali, lavoratrici disoccupate o sospese da meno di 60 giorni, lavoratrici dipendenti di cooperative (operaie e impiegate socie o non socie) e lavoratrici a domicilio.
Ai padri lavoratori il congedo per maternità post-partum spetta solo nei seguenti casi: morte della madre, grave infermità o malattia della madre, abbandono del bambino da parte della madre e affidamento esclusivo al padre. Sono riconosciuti anche i periodi di astensione obbligatoria post-partum.
Il congedo per maternità non spetta, invece, alle lavoratrici non di ruolo del settore pubblico.






IL CALCOLO DELL'INDENNITÀ DI MATERNITÀ

La misura dell’indennità per maternità è pari all' 80% della retribuzione giornaliera per le giornate indennizzabili comprese nel periodo di astensione obbligatoria. In genere, l'indennità viene anticipata dal datore di lavoro per conto dell'Inps.

Tuttavia, viene pagata direttamente dall'Inps alle lavoratrici stagionali, alle lavoratrici disoccupate o sospese dal lavoro da non oltre 60 giorni, alle lavoratrici agricole, alle colf e alle badanti e alle lavoratrici dello spettacolo con contratto a termine o a prestazione o a giornata.




INDENNITÀ DI MALATTIA

I datori di lavoro saranno tenuti a versare l’indennità di malattia a decorrere dal 01 Maggio 2011.
Quindi la contribuzione di malattia è nuovamente obbligatoria per tutti i datori di lavoro.
In particolare, diventa nuovamente obbligatoria, per i datori di lavoro che sono tenuti a erogare un trattamento economico di malattia ai lavoratori e che, per tale ragione, hanno potuto beneficiare dell’esonero fino al 30 aprile.



La circolare che stabilisce che il pagamento delle indennità di malattia a partire dal 01 maggio 2011 è nuovamente di competenza dei datori di lavoro è la seguente: Circolare n. 122 del 28 settembre 2011.